Home | E-mail | Storia | Arte e letteratura | Foto | Ceramica | Moda | Info | Mappa
STORIA E LEGGENDA
HOTELS E RISTORANTI
ARTE E LETTERATURA
FOTO
CERAMICA
MODA

LETTERATURA DI POSITANO


La storia di Positano è molto suggestiva e si intravede tra antiche rovine di ville, resti archeologici, vecchi racconti e testimonianze dei nostri avi dove ci si perde tra storia e leggenda. Storie di pirati, di guerre e di briganti, di anni bui e di splendore.
Non si hanno notizie precise del periodo della "Magna Grecia", ma già il nome del nostro paese la dice lunga, infatti "Positano" quasi certamente deriva da "Poseidone", divinità ellenica padrone del mare. Un antico ed illustre positanese, il Montuori, voleva far derivare il nome del paese dalle parole pronunciate dalla MADONNA, secondo l'antica leggenda, POSA, POSA. Ma il Montuori asseriva anche che il luogo veniva chiamato da taluni Ginestra o Mortella, in quanto dette piante vi abbondavano. Invero il nostro paese ha avuto sempre il nome di Positano e solo nel XVI sec. furono aggiunti quelli delle suddette piante che vi fiorivano e vi fioriscono tuttora.


Da "Città di Positano" del Canonico ERRICO TALAMO:

...ed una fregata inglese armata con sessanta cannoni di continuo scorreva il golfo di Salerno e quello di Napoli catturando quanti navigli incontrava nel mare. Ora avvenne un giorno, che molti navigli carichi di seta, di grano, di derrate, di legname e di altri oggetti destinati parte per Salerno e parte per Napoli, scortati dal capitano di fregata sig. Barberà spinti dai venti vennero in Positano, ove si fermarono ancorati nel lido. Quando la fregata avuto sentore si fece vicino a Positano col seguito di cinque lance e tre barche tutte bene armate, ed aperto un vivo fuoco contro il Fortino di Arienzo lo fece ben presto tacere. Posta in fuga quella piccola guarnigione credeva di avere riportata una completa vittoria, perciò inviò subito le cinque lance e le tre cannoniere per la via della Maddalena nel lido, onde da quella parte sorprendere i navigli colà vicino approdati. Ma sorsero all'improvviso i Positanesi, che stavano in agguato sul Promontorio, e fatto un vivissimo fuoco contro quei navigli, che erano carichi di gente, ne fecero orrendo macello .................................... Inviperiti al sommo gli Inglesi per un tal fatto si posero a cannoneggiare l'intera città di Positano...